Il nostro

blog

Nuovo direttore commerciale

Björn Kahler è stato nominato direttore commerciale di Wolf ButterBack. Christian Tomasch, da molto tempo direttore vendite, marketing e sviluppo prodotti presso Wolf ButterBack, ha affidato i suoi compiti operativi al Dr. Björn Kahler ma resta comunque portavoce della direzione. Così il vertice dell'azienda si espande a quattro persone.

 

Dott. Kahler, ora fa parte del management di Wolf ButterBack come direttore commerciale. Come ci si sente?
Ad essere onesti, non diverso da prima. Forse ciò arriverà con i compiti modificati, ma fondamentalmente è solo una sensazione generalmente positiva poter lavorare per un'azienda così creativa, solida e ottimista.


Che aspetto hanno questi compiti modificati e di quali aree di business sarà responsabile in futuro?
Oltre alle vendite in Germania, di cui prima ero responsabile, ora fanno parte delle mie pertinenze anche l'export, il marketing e lo sviluppo prodotti.


Che cosa ha in comune personalmente con il marchio Wolf ButterBack? Cosa apprezza particolarmente di questa azienda?
Wolf si è sviluppata notevolmente negli ultimi anni e ho avuto il grande piacere di unire il mio sviluppo personale e professionale con quello di questa azienda. Questo mi unisce a Wolf. Da quando sono entrato in Wolf ButterBack della struttura aziendale apprezzo particolarmente il tipo di cooperazione concreta nel miglior senso della parola, caratterizzata da velocità, flessibilità e trasparenza e dove è facile e normale parlare di vicinanza e attenzione al cliente. La considero quindi un'azienda che segue anche i fatti. Certo questo può non sempre funzionare e talvolta porta a discussioni, ma il desiderio di farlo ci guida.


Si percepisce chiaramente il Suo attaccamento all'azienda. Da quanto tempo fa parte della famiglia Wolf ButterBack?  
Ho iniziato in Wolf nel 2012, all'epoca come direttore delle vendite per l'Europa settentrionale e orientale.


Sicuramente sono successe molte cose in quasi un decennio. C'è un'esperienza lavorativa a cui ripensa ancora o forse non così tanto?
Non una singola esperienza. Sono sempre particolarmente contento quando i miei colleghi raggiungono i loro obiettivi, che concordiamo insieme all'inizio di ogni anno. È come l'ultimo passo sul traguardo dopo una maratona.


Questa è una bella metafora e dà un'idea di quanta energia e passione Lei mette nel Suo lavoro. Come è entrato nell'industria alimentare o nello specifico nel settore dei prodotti da forno? Cosa apprezza particolarmente del settore?
È successo un po'di più. Nel 2005 ho avuto il mio primo impego professionale nel settore dei prodotti da forno surgelati. Mi piace particolarmente che sia un settore estremamente eterogeneo. Numerosi fornitori di prodotti da forno, dal piccolo panificio dietro l'angolo alle grandi società globali, discutono con creatività, cooperazione, produttività, varietà e qualità per la migliore posizione nel mercato. E questo con i prodotti che tutti teniamo tra le mani e consumiamo ogni giorno.


Qual è il Suo prodotto preferito?
Il cestino al quark e il krapfen con marmellata di lamponi e ribes.


C'è qualcos'altro che invece vorrebbe eliminare?
Non vedo l'ora di conoscere di nuovo Wolf da una nuova prospettiva.

 

L'intervista è stata condotta da Yara Schüder del dipartimento Marketing e Comunicazione.